Rassegna Musikè | Musica Teatro Danza > Edizione 2024 > ANTONELLA QUESTA e LUCA SCARLINI
Lunedì 10 Giugno 2024, ore 21.00 Rovigo, Cen.Ser. – Sala Bisaglia Clicca qui per visualizzare la mappa teatro

ANTONELLA QUESTA e LUCA SCARLINI

La beffa, la cena: un duello di parole
Sam Benelli, Giacomo Matteotti, Benito Mussolini

 

Unica data in Veneto

Prenota

Ingresso gratuito con prenotazione fino a esaurimento posti.

La sala sarà aperta al pubblico dalle ore 20.15.

Le prenotazioni apriranno alle ore 17.30 di mercoledì 5 giugno.

Le prenotazioni sono valide fino a 15 minuti prima dell’inizio dello spettacolo.

I posti si intendono prenotati, non assegnati. L’assegnazione avviene a riempimento, secondo l’ordine di arrivo.

LA BEFFA, LA CENA: UN DUELLO DI PAROLE
Sam Benelli, Giacomo Matteotti, Benito Mussolini

per un raccontatore e un’attrice
intorno a La cena delle beffe di Sem Benelli

Una conferenza-spettacolo che, nel giorno del centenario del delitto Matteotti, gioca la carta dell’umorismo nero e della citazione colta per rievocare una pagina amarissima della nostra Storia, guardando non alle grandi date, ma a una vicenda biografica poco nota: quella dello scrittore Sem Benelli. Ne esce il ritratto di un’Italia orrenda e terribile, che all’epoca dei fatti non sembrava accorgersi di esserlo, a giudicare dalla folla oceanica di sostenitori, simpatizzanti e sodali pronti a seguire ogni capriccio del «figlio del secolo».

11 giugno 1924: Sem Benelli, eletto in Parlamento per una lista indipendente dopo una iniziale simpatia per il fascismo e dopo aver partecipato all’impresa di Fiume, tiene un discorso infuocato contro l’orrendo omicidio di Giacomo Matteotti. Il Duce ha cercato in ogni modo di far desistere dal suo intento lo scrittore, che in quegli anni è il drammaturgo italiano di maggior successo nel mondo. In cambio Mussolini ha promesso di affidargli il Teatro Nazionale, che ancora non esiste, a Roma. Ma Benelli non tace: parla, assumendo il profilo di un intellettuale antifascista radicale. E Mussolini si vendica: da quel momento la vita, la fama, l’opera di Benelli saranno sotto attacco. Benelli non riesce più a percepire i diritti d’autore dall’estero, non può più uscire dall’Italia, le sue opere sono boicottate dalla stampa di regime, le sue prime sono oggetto di contestazione da parte di fascisti scalmanati, espressamente inviati dal Ministero della Propaganda. Lo scrittore viene sorvegliato di continuo, come risulta dai documenti dell’OVRA, la polizia segreta fascista: lentamente, da ricco che era diventato, Sem Benelli torna povero. Il regime lo invischia in una trappola senza via di scampo: per rendersi più gradito, a cinquant’anni suonati Benelli parte “volontario” per la guerra d’Etiopia.

Di tutto questo Benelli scrisse in un libro che meriterebbe di essere recuperato, Paura. Ma morì troppo presto perché la sua immagine potesse essere compresa nella giusta luce. Il grande successo del film La cena delle beffe di Alessandro Blasetti sigillò il suo profilo nel segno dell’ambiguità. La beffa, la cena è un duello di parole che ricostruisce la vicenda di un uomo libero nel pensiero come nell’azione: una scelta di libertà che espose Benelli alla macchina implacabile della Storia.

Antonella Questa e Luca Scarlini raccontano una misconosciuta tragedia italiana, sullo sfondo del delitto Matteotti e nello specchio di una relazione di invidia da parte del dittatore: Benito Mussolini, romanziere fallito, improbabile poeta e attore come Nerone, sabotando Benelli impone al mondo dell’arte il suo potere feroce.

ANTONELLA QUESTA

Vive e lavora tra l’Italia e la Francia. Nel 2005 fonda la Compagnia LaQ-Prod, con cui crea e produce spettacoli teatrali di successo, dove le tematiche contemporanee vengono raccontate con profondità, ironia e sensibilità. Il filo conduttore che unisce i suoi lavori e che guida da sempre la sua ricerca è quello della relazione con noi stessi e con gli altri, con una particolare attenzione alla sfera familiare. Con lo spettacolo Affari di famiglia ha iniziato a scrivere anche per altre attrici con cui condivide il palco, creando poi Piacere, denaro!, che la vede in scena con l’economista Azzurra Rinaldi, e Stai zitta! dal libro di Michela Murgia, per la regia di Marta Dalla Via.

LUCA SCARLINI

Scrittore, drammaturgo, narratore, artista performativo, insegna tecniche della narrazione presso la Scuola Holden di Torino. Ha collaborato con numerose istituzioni teatrali italiane e europee, tra cui il National Theatre di Londra, Lod a Ghent, il Festival Opera XXI a Anversa, La Batie e il Theatre Amstramgram a Ginevra. Scrive per la musica e per la danza, con una vasta attività come storyteller in solo e a fianco di musicisti, danzatori e attori, in teatri, musei e luoghi storici. Ha curato mostre sulla relazione tra arte, musica, teatro e moda. Tra i suoi libri recenti: Conosci Milano? (Clichy), Ziggy Stardust (ADD Editore), Bianco tenebra (Sellerio), Teatri d’amore (Nottetempo), L’ultima regina di Firenze (Bompiani), Cose turche (Jaca Book), Le vacanze dell’arte (Paccini). Ha tradotto e curato l’edizione dei Revised Texts di Samuel Beckett per Cue Press.