Rassegna Musikè | Musica Teatro Danza > Musica > GEOFF WESTLEY e PEPPE SERVILLO
Venerdì 10 Giugno 2022, ore 21.30 Fratta Polesine (RO), Villa Badoer Clicca qui per visualizzare la mappa ,

GEOFF WESTLEY e PEPPE SERVILLO

Favole al telefono

 

Omaggio a Gianni Rodari

Prenota
GEOFF WESTLEY e PEPPE SERVILLO

Ingresso gratuito con prenotazione fino a esaurimento posti.

Le prenotazioni sono valide fino a 15 minuti prima dell’inizio dello spettacolo.

I posti si intendono prenotati, non assegnati. L’assegnazione avviene a riempimento, secondo l’ordine di arrivo.

In caso di maltempo lo spettacolo verrà annullato.

Le prenotazioni apriranno alle ore 18.00 di domenica 5 giugno.

Per accedere allo spettacolo è consigliato, anche se non obbligatorio, l’uso della mascherina.

Geoff Westley direzione musicale e pianoforte
Peppe Servillo voce recitante

Orchestra delle Favole
Serafino Tedesi violino
Alberto Lo Gatto contrabbasso
Valerio Galla percussioni
Andrès Villani sax/flauto
Giovanni Forestan sax/clarinetto
Giorgio Strinati corno

Musiche e arrangiamenti di Geoff Westley

Distribuzione Reggio Iniziative Culturali S.r.l.

FAVOLE AL TELEFONO

Geoff Westley e Peppe Servillo portano il pubblico nel mondo di Gianni Rodari, a 60 anni dall’uscita delle Favole al telefono, pubblicate nel 1962. Il testo sembra non aver conosciuto il passare del tempo, conservando immutate le doti originali di ironia ed eleganza, inventiva straordinaria e analisi puntuale della realtà. E il signor Bianchi, rappresentante di commercio sempre in giro per l’Italia, che rientra a casa solo la domenica, è capace di conquistare ancora, ogni volta che al telefono racconta alla figlia una delle sue storie. La capacità di Rodari di parlare a tutti ben si sposa con la lingua universale della musica, appositamente composta ed eseguita per questo progetto da Geoff Westley.

GEOFF WESTLEY

Dopo gli studi al Royal College of Music di Londra, a 23 anni già dirige il musical Jesus Christ Superstar. Assume poi la direzione musicale dei Bee Gees, che accompagna nei loro tour mondiali per sette anni. Come pianista e arrangiatore collabora con artisti del calibro di Peter Gabriel, Phil Collins, Andrew Lloyd-Webber, Hans Zimmer, Marvin Hamlish, Henry Mancini. In Italia collabora per molti anni come arrangiatore e produttore con artisti come Lucio Battisti, Claudio Baglioni, Renato Zero, Lucio Dalla, Fabrizio De André, Fiorella Mannoia. Come arrangiatore e direttore ha lavorato anche con alcune tra le più importanti orchestre del mondo: London Symphony Orchestra, Royal Philharmonic Orchestra, London Chamber Orchestra, Orchestra del Teatro Regio di Parma, Orchestra del Teatro Bellini di Catania, Roma Sinfonietta, Brno Philharmonic, Budapest Symphony Orchestra.

Nel 2018 e nel 2019 è stato Direttore musicale del Festival di Sanremo.

PEPPE SERVILLO

Debutta nella musica con gli Avion Travel nel 1980. La sua storia coincide in gran parte con quella del gruppo: nel 1998 partecipa al Festival di Sanremo con la canzone Dormi e sogna, vincendo il premio della critica e il premio della giuria di qualità come miglior musica e miglior arrangiamento. Nel 1999 partecipa come attore al film di Fabrizio Bentivoglio Tipota. Nel 2000 vince il Festival di Sanremo con il brano Sentimento, oltre ad aggiudicarsi il premio della giuria di qualità per la musica e l’arrangiamento. Nel 2001 compare come attore nel film di Wilma Labate Domenica. Nel 2002 viene chiamato come attore da Mimmo Calopresti nel film La felicità non costa niente. Inizia nel 2003 una proficua collaborazione artistica con due musicisti argentini, Javier Girotto e Natalio Mangalavite, che si traduce nella realizzazione di tre album. Nel 2006 interpreta Don Chisciotte nel film di Mimmo Paladino Quijote. Nel 2007 esce l’album degli Avion Travel Danson Metropoli – Canzoni di Paolo Conte, vincitore di un disco d’oro. Sempre nello stesso anno viene chiamato come attore da Fabrizio Bentivoglio nel film Lascia perdere Johnny. Nel 2010 vengono presentati alla Mostra del Cinema di Venezia ben due film in cui Servillo è presente in veste d’interprete: Into paradiso di Paola Randi e Passione di John Turturro. Nello stesso anno collabora come attore in teatro col fratello Toni allo spettacolo Sconcerto e con Lina Wertmuller nel film per la televisione Mannaggia alla miseria. Nel 2011, accompagnato dall’orchestra Roma Sinfonietta, è voce recitante dell’Histoire du soldat di Igor Strawinsky, di cui cura anche l’adattamento in napoletano. Nel 2012 pubblica con il Solis String Quartet l’album Spassiunatamente, omaggio alla cultura e alla canzone classica napoletana. Nel 2013 è in tournée teatrale insieme al fratello Toni con la commedia di Eduardo De Filippo Le voci di dentro, spettacolo per cui vince, come miglior attore non protagonista, il premio “Le maschere del teatro italiano” e il premio “Ubu”. Sempre nel 2013 escono due film che lo vedono come attore: Transeurope Hotel di Luigi Cinque e Song ʼe Napule dei Manetti Bros, vincitore di vari David di Donatello e Nastri d’Argento. Nel 2014 continua la fortunata tournée teatrale con Le voci di dentro, mentre nel 2015 è di nuovo a teatro con il fratello Toni e il Solis String Quartet con lo spettacolo La parola canta, un concerto-reading che celebra Napoli attraverso poesia e canzone. Nel 2016 è protagonista del Borghese gentiluomo di Molière accompagnato dall’Ensemble Berlin (ospitato anche da Musikè); nello stesso anno interpreta Peachum nell’Opera da tre soldi di Bertolt Brecht al Piccolo Teatro Strehler di Milano per la regia di Damiano Michieletto. Continua la collaborazione con il Solis String Quartet pubblicando Presentimento, un altro album di canzoni napoletane, naturale prosecuzione di un progetto che non smette di spaziare in un immenso panorama musicale senza cercare di circoscriverlo a un periodo o a un autore. È di nuovo attore per il cinema nel corto di Claudio Santamaria The Millionairs e nel film Indivisibili di Edoardo De Angelis con musiche di Enzo Avitabile. Nel 2017, in compagnia dei più famosi jazzisti italiani, è in tour con la produzione Pensieri e parole, un omaggio alle canzoni di Lucio Battisti. Partecipa, assieme ad Enzo Avitabile, al Festival di Sanremo del 2018 con la canzone Il coraggio di ogni giorno. A 15 anni di distanza dall’ultimo lavoro del gruppo, pubblica Privé, disco di inediti degli Avion Travel, con la produzione artistica di Mario Tronco dell’Orchestra di Piazza Vittorio. Nel 2021 debutta al Teatro No’hma di Milano con lo spettacolo Favole al telefono, dall’omonimo libro di Gianni Rodari, con musiche e arrangiamenti di Geoff Westley.