Rassegna Musikè | Musica Teatro Danza > Musica > CARLO LUCARELLI
Martedì 8 Novembre 2022, ore 21.00 Padova, Sala dei Giganti al Liviano Clicca qui per visualizzare la mappa ,

CARLO LUCARELLI

PPP – Un segreto italiano

CARLO LUCARELLI

Ingresso gratuito con prenotazione fino a esaurimento posti.

Le prenotazioni sono valide fino a 15 minuti prima dell’inizio dello spettacolo.

I posti si intendono prenotati, non assegnati. L’assegnazione avviene a riempimento, secondo l’ordine di arrivo.

Le prenotazioni apriranno alle ore 18.00 di giovedì 3 novembre.

Lo spettacolo si svolgerà nel rispetto delle disposizioni anti-Covid vigenti.

di e con Carlo Lucarelli

e con
Elena Pau voce
Alessandro Nidi pianoforte

produzione La Fabbrica Illuminata – Il Crogiuolo

PPP – Un segreto italiano

In occasione dei cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini (5 marzo 2022), un omaggio che coniuga parole e musica.

Il punto di partenza è il libro di Carlo Lucarelli, PPP – Pasolini, un segreto italiano, edito da Rizzoli nel 2015. Lo scrittore racconta e ricorda il poeta e cineasta attraverso i corsivi e gli editoriali trovati in una soffitta della sua casa di famiglia a Mordano, per poi addentrarsi nell’Italia di quegli anni, intrisa di efferata violenza, e nelle dinamiche che hanno portato all’omicidio del grande intellettuale.

Lo spettacolo, pensato in forma di lettura teatrale con l’autore Carlo Lucarelli, porta in scena le parole del libro, mentre pianoforte e voce si inseriscono nella narrazione di questo segreto italiano. Lucarelli indaga la morte di Pasolini leggendola, per l’appunto, come un “mistero italiano”, passando da momenti più narrativi di ricostruzione storica a impressioni personali sulle vicende, dove Lucarelli aggiunge, rispetto al suo libro del 2015, una riflessione su Giovanni Ventura, il terrorista padovano della strage di Piazza Fontana.

La voce di Elena Pau e il pianoforte di Alessandro Nidi eseguono una scelta di canzoni d’autore: su Pasolini, da Pasolini, di Pasolini. Alle canzoni che raccontano l’Italia di quegli anni (Francesco De Gregori, Claudio Lolli) si aggiungono canzoni dedicate a PPP, composte, tra gli altri, da Giovanna Marini e da Fabrizio De André: in questo affresco musicale si inseriscono, infine, le canzoni scritte dallo stesso Pasolini. I testi qui rappresentati costituiscono la testimonianza del lavoro compositivo di Pasolini nell’ambito della canzone, vissuta sempre all’interno di un processo di spettacolarizzazione: prima il cabaret caustico e brillante di Laura Betti, poi il cinema.