• Dettagli
  • Gallery
  • Tags
  • Altro
  • FEDERICO BUFFA

    Home  /  Programma  /  Pagina corrente
       mercoledì, 9 ottobre, 2019
       21:00
       Programma, Slideshow, Teatro
    • buffa
    • buffa

FEDERICO BUFFA

Home  /  Programma  /  Pagina corrente

buffa

 

Mercoledì 9 ottobre, ore 21
Lendinara (RO), Teatro Ballarin

Clicca qui per visualizzare la mappa

 

FEDERICO BUFFA

IL RIGORE CHE NON C’ERA

 

con
Marco Caronna
Jvonne Giò
Alessandro Nidi

Regia di Marco Caronna
Produzione International Music and Arts

 

Ingresso gratuito con prenotazione fino a esaurimento posti.

 

Le prenotazioni apriranno alle ore 7.00 di lunedì 30 settembre.


I posti a sedere prenotati saranno garantiti fino a un quarto d’ora prima dell’inizio dello spettacolo. Raccomandiamo pertanto la puntualità.

 

Un testo che parte da vicende sportive per diventare un affresco storico, poetico, musicale. Il rigore che non c’era è l’evento che ha cambiato la storia di una partita, ma è anche, come spesso accade allo sport, la metafora di un’occasione inaspettata e improvvisa che ha cambiato la storia di una vita. In un luogo non collocato nel tempo e nello spazio, incontriamo personaggi a un bivio, davanti a una scelta, condannati a raccontare e a raccontarsi: da Sendero Luminoso al Loco Houseman, da LeBron James al millesimo gol di Pelè. Vicende intrecciate tra loro, come quella di Elis Regina e di Sam Cooke, e punteggiate dalla musica, che sottolinea e impreziosisce le parole. Sullo sfondo, la copertina di Sgt. Pepper’s dei Beatles, presente in scena e nel testo. Un angelo custode, interpretato da Jvonne Giò; uno strampalato attore, interpretato da Marco Caronna; e un pianista, Alessandro Nidi: sono i tre compagni di viaggio che porteranno Federico Buffa a scoprire che quel rigore, quella volta, ha cambiato la storia di tutti.

Federico Buffa è giornalista e telecronista sportivo. Col suo stile avvolgente ed evocativo, accanto all’attività di telecronista di basket e commentatore sportivo ha condotto numerose trasmissioni antologiche, dimostrando di essere «un narratore straordinario, capace di fare vera cultura, cioè di stabilire collegamenti, creare connessioni, aprire digressioni» (Aldo Grasso).